Comune di Azzano Decimo

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




dire, fare, studiare e giocare

 

“Il progetto è un sogno con delle scadenze.” (D. Demetrio)

l Servizio Doposcuola nasce come progetto pilota nel settembre del 1995 da un idea dell’Amministrazione Comunale in collaborazione con la Scuola e i Servizi Specialistici del territorio.

PREMESSA

In periodi come quelli attuali in cui gli spazi per i minori stanno diminuendo, anzitutto spazi di libertà e di libera aggregazione, il Servizio Comunale Doposcuola vanta di poter garantire e tutelare spazi socio-affettivi dove minori dai sei ai quattordici anni possono incontrarsi e fare esperienze di relazione, è un momento privilegiato per stare insieme, per essere gruppo. Il Doposcuola risponde anche ai bisogni delle famiglie della comunità, garantendo un Servizio e uno spazio monitorato da adulti significativi, che si impegnano a rendere il tempo extra scolastico degli iscritti divertente e allo stesso tempo arricchente.

MODELLO D’ INTERVENTO

La proposta è di offrire un servizio educativo multiforme a sostegno dei minori e finalizzato prevalentemente alla prevenzione, nell’intento di anticipare e/o modificare precocemente situazioni che s’intuiscono a rischio di devianza o dispersione scolastica, promuovendo agio e benessere.

Il Servizio Doposcuola è inserito nel Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F) dell’Istituto Comprensivo Statale di Azzano Decimo.

TEMPI

Il Doposcuola inizia lunedì 22 settembre 2014, e segue le aperture e chiusure del calendario scolastico, è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 12.20 alle ore 18.00. Non si prevede obbligo di frequenza, il conteggio per il pagamento si esegue sulle giornate di effettiva presenza. Un tempo quotidiano e continuo, che consente al Doposcuola di divenire un punto di riferimento per i frequentanti, un luogo di relazioni caratterizzate da vicinanza e continuità temporale, due elementi fondamentali per istituire delle relazioni educative, cioè capaci di far crescere e maturare i bambini e ragazzi coinvolti.

La giornata al Doposcuola è scandita da una ritualità costante e imprescindibile delle varie fasi che si susseguono, dalla mensa, alla fase compiti, alla fase attività ricreative.

GIORNATA TIPO

“Scopri di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di onversazione”. (Platone)

 

  Giornata Tipo  
7. fase ricreativa riordino / chiusura dalle 16.30 alle 18.00
1. fase accoglienza bambini/e scuole primarie dalle 12.20 alle 13.00
2. fase mensa bambini/e scuole primarie dalle 13.00 alle 13.30
3. fase mensa ragazzi/e della secondaria di 1^ dalle 13.35 alle 14.10
4. fase studio assistito dalle 14.15 alle 16.00
5. fase accoglienza iscritti dopo le 16.00 dalle 16.00 alle 16.10
6. fase merenda dalle 16.15 alle 16.30

Fase accoglienza: gli educatori accolgono i bambini all’uscita dalle scuole primarie delCapoluogo, e attendono i bambini che arrivano con lo Scuolabus dai plessi scolastici delle frazioni, segue momento di relax prima di andare in mensa;

Fase mensa: il pranzo è fornito dalla Gemeaz Cusin (S.R.L.) presso la mensa scolastica della scuola primaria di Viale Rimembranze;

Fase compiti: tra gli obiettivi focus che il servizio Doposcuola si pone nella pratica quotidiana c’è quello definito dello “studio assistito”, che avviene in piccoli gruppi di lavoro distinti in base all’età dei frequentanti, con la presenza di un educatore ciascuno. Dapprima gli educatorisono chiamati ad agire sulla motivazione dei bambini/ragazzi allo studio, poi sullo sviluppo dell’autonomia organizzativa del singolo, in seguito si forniscono tecniche e strumenti didattici necessari allo svolgimento delle consegne. L’educatore tuttavia, non interviene nell’eventualità di un errore protratto, poiché libera espressione di un apprendimento non avvenuto, messaggio quindi che deve pervenire all’insegnante privo di condizionamenti (pedagogia dell’errore). Lo Staff è consapevole di non svolgere un ruolo sostitutivo degli insegnanti, la loro azione è rivolta allo sviluppo di un metodo di organizzazione delle consegne scolastiche.

Fase merenda: gli iscritti trovano quotidianamente frutta e pane a loro disposizione inoltre sonoo rganizzate settimanalmente delle “merende speciali” a carico del Comune. Tale momento è necessario per un sano break pomeridiano, per impostare il proseguimento della giornata, per dare comunicazioni, per lasciare la parola ai bambini e ai ragazzi, per festeggiare i compleanni, discutere di argomenti di loro interesse.

Fase ricreativa: questa è la fase educativa per eccellenza, dove si concretizzano le idee e le proposte, frutto della programmazione mensile. Anche in questo arco di tempo gli iscritti vengono divisi per fasce di età e vengono proposte loro attività diversificate. Lo stile educativo è quello dell’animazione sociale che si fonda sulle tecniche e sulle esperienze che sviluppano il lavoro di gruppo, il gioco, la programmazione, la contrattazione. Mette in campo metodologie di “processo” e non solo di “prodotto finale” per agevolare i bambini e i ragazzi alla scoperta e alla valorizzazione delle proprie capacità.

Le attività consistono in:

    • Laboratori tematici (teatrali – musicali – grafici – pittorici –manipolativi).
    • Giochi di: gruppo - squadra – società – cooperativi – di ruolo , di conoscenza,di fiducia - sportivi;
    • uscite/gite;
    • visione film/cartoni animati;
    • attività motoria;
    • laboratoriodi cucina;
    • Feste a tema: (Halloween; “Natale Solidale”, Carnevale; di fine anno“doposcolastico”).

Chiusura servizio con scambio informazioni: in questa fase avviene uno scambio informativo con i genitori degli iscritti. Gli educatori verificano con loro, quando questo è richiesto, l’inserimento e il comportamento del figlio/a. I bambini e i ragazzi riordinano i giochi e i materiali vari serviti per svolgere l’attività in programma.

SPAZI

Il servizio Doposcuola ha sede alla Casa Dello Studente di Azzano Decimo, in via Don Milani,2.

Dispone di un ampio salone giochi e laboratori al piano seminterrato, saletta video e auditorium e di due aule studio al primo piano che sono il luogo di aggregazione e di attività per i ragazzi dagli 11 ai 14 anni.

Per l’attività motoria del venerdì è utilizzata laPalestra delle Scuola Secondaria di Primo Grado “L.Luzzati”.

La mensa cui si fa riferimento è quella delle Scuola Primaria “Cesare Battisti” di Viale Rimembranze.

La sede del Doposcuola definisce, uno spazio fisico riconoscibile nel territorio e uno spazio simbolico, espressamente finalizzato ai bambini e ragazzi e strutturato secondo una precisa intenzionalità educativa

MATERIALI

Il Comune mette a disposizione tutto l’occorrente ludico – didattico ricreativo per leattività. Il Servizio inoltre è dotato di diversi giochi in scatola, costruzioni di vario tipo, tavolo da ping – pong, calcetto balilla ,WII .

PERSONALE IMPIEGATO

La continuità educativa, uno dei punti che qualifica il Doposcuola comunale di Azzano Decimo, sarà garantita assicurando la presenza di operatori che da diversi anni operano nel servizio stesso, nel rispetto dello stile educativo “autorevole” da sempre adottato come presupposto educativo.

Il Comune affida parte della gestione del servizio al personale di una cooperativa sociale con cui condivide il coordinamento la progettazione e la programmazione.

Lo Staff del Doposcuola attualmente è composto da , cinque Operatori qualificati e continuamente formati.

ACCESSO AL SERVIZIO

DOVE

Comune di Azzano Decimo – Servizi Alla Persona Ufficio Servizi Educativi (primo piano) Piazza libertà,1

Telefono: 0434/636728

Tramite fax: 0434/640182

Tramite e.mail: claudia.santarossa@comune.azzanodecimo.pn.it

QUANDO

Da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00 il giovedì anche dalle 16.00 alle 18.00

COME

Per accedere al Servizio di Doposcuola si presenta una domanda redatta su apposito modulo (vedere modulistica 2014-2015)

TEMPI DI ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Si comincia a frequentare il doposcuola la settimana successiva alla presentazione della richiesta, fatta salva la disponibilità dei posti.

IMPEGNI PER LA QUALITA’ DEL SERVIZIO

il Comune assicura:

    • professionalità degli operatori;
    • collaborazione con la famiglia;integrazione con la realtà scolastica territoriale;
    • collaborazione con servizi specialistici del territorio;
    • monitoraggio dei risultati.

COSTI

La quota di compartecipazione al costo del servizio viene stabilita annualmente dalla giunta comunale.

 

  COSTO GIORNALIERO
12.20 - 18-00 euro 9,50 (pasto incluso)
13.35 - 18.00 euro 8,00 (pasto incluso)
14.00 - 18.00 euro 5,30
16.00 - 18.00 euro 4,30
COSTO MENSILE PER TRASPORTO SCOLASTICO
euro 20,00 al mese per trasporto CON SCUOLABUS dai plessi delle frazioni alla sede del Doposcuola.
E’ prevista una riduzione del 50% per il figlio minore in caso di frequenza di più figli.

 

PAGAMENTO

Si effettua a seguito di comunicazione scritta inviata dall’ufficio di competenza in:

TESORERIA DEL COMUNE: Banca Popolare FriulAdria Crèdit Agricole sede di Azzano Decimo.

oppure con Bonifico Bancario:

COORDINATE BANCARIE: IT98 A 05336 64780 000030173118

 

 

ATTENZIONE:

Se hai dai 15 ai 29 anni e vuoi fare il Volontario al Doposcuola il Comune di Azzano Decimo ha attivato un BANDO DI RICERCA GIOVANI ATTIVI: un’opportunità per fare volontariato sviluppando le proprie competenze.

Contatta Ufficio Servizi educativi – Sportello Punto Informativo

 

Ci vogliono i riti.
“Che cos'è un rito?" disse il piccolo principe"
E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore.
(tratto dal Piccolo Principe di Antoine de Saint -Exupery)